Ortopedia

Le Patologie

Foto e immagini

IL POLLICE A SCATTO NEL BAMBINO

Il pollice a scatto nel bambino o tenovaginite stenosante del flessore lungo del pollice è una relativamente rara affezione nella quale la guaina fibrosa del tendine è ispessita e limita il suo scorrimento attraverso la troclea.
L' affezione viene notata dai genitori che preoccupati dal caratteristico atteggiamento in flessione della interfalangea si precipitano in pronto soccorso (Fig. 1).

Fig1 tipico atteggiamento in flessione del pollice a scatto “in blocco”

Caratteristica clinica principale è la presenza di un nodulo palpabile alla regione volare del pollice in corrispondenza del­la metacarpo falangea.
L' incongruenza della superficie tendinea provoca la difficoltà nello scorrimento del tendine stesso nella troclea causando la sensazione di scatto durante i movimenti di flesso estensione. Nella maggior parte dei casi una cauta mobilizzazione passiva del dito riesce a vincere il blocco tendineo ma questo si ripresenta facilmente.
Nella maggior parte dei casi il blocco avviene in flessione, ma occasionalmente il pollice può essere bloccato in esten­sione.

Il bambino non si lamenta del suo problema che preoccupa molto i suoi genitori.
Nel circa il 25% dei casi il pollice a scatto viene notato alla nascita , questa forma congenita si risolve spontaneamente entro il primo anno di vita nel 30% dei casi. In tali forme congenite la bilateralità è presente nella metà dei casi.
La forma più frequente si manifesta tra i 6 mesi e i 2 anni e mezzo ed ha una percentuale di guarigione spontanea di circa il 12%. In questa forma più tardiva il coinvolgimento bilaterale è presente in circa 1/4 dei casi.
L' eziologia è sconosciuta; in alcuni casi è stata notata una certa familiarità, ma non su base genetica.

Il trattamento consiste dapprima in ripetute caute manovre di flesso estensione del pollice.
Non provocano dolore al bambino, al massimo evocano un lieve fastidio. Tali manovre dovrebbero essere ripetute svariate volte nel corso della giornata.
Una piccola stecca metallica che mantenga il dito in estensione è un tentativo che può essere messo in pratica ma non va mantenuta per tutto il giorno poiché potrebbe provocare dei blocchi articolari in estensione.
Le infiltrazioni non hanno successo.
L' unica vera terapia è chirurgica comunque, poiché l' affezione può andare incontro ad una guarigione spontanea è sag­gio postporre l' intervento fino ai 2 anni.
Deformità rigide non si sviluppano anche quando l' affezione viene abbandonata al suo destino fino all' età di 3 anni.
Meglio non spingersi oltre i 4 anni nel rimandare la chirurgia in quanto si potrebbero sviluppare delle brevità a carico del primo metacarpale legate ad una diminuzione della crescita per la tensione meccanica che il tendine, impedito nel suo completo movimento, esplica.

L' intervento chirurgico viene eseguito in anestesia generale con laccio ischemico posto alla radice dell' arto. L' incisione cutanea è trasversale, in corrispondenza della superficie volare del pollice a livello della metacarpo falangea (Fig. 2).

Fig 2 incisione cutanea

Particolare attenzione va riservata, durante la dissezione dei piani sottocutanei, alle strutture vascolo nervose ivi presen­ti (Fig. 3).

Fig 3 Campo Operatorio

Esposto il tendine si procede alla sezione della troclea longitudinalmente (Fig. 4).

Fig 4 apertura della troclea del flessore

Accertatisi del completo ripristino del movimento senza impedimenti si sutura la cute con punti staccati in materiale riassorbibile ( per evitare al piccolo il trauma della rimozione della sutura ).

Si confeziona un bendaggio molle e da subito si incoraggiano i movimenti attivi di flesso estensione del pollice.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RICERCA

Le Patologie

News

I MIEI STUDI

OSPEDALE DEI BAMBINI "VITTORE BUZZI"

Via Castelvetro 32 - Milano

Prenotazioni libera professione Tel. numero verde 800.890.890 dalle 08,00 alle 20,00 (da lunedì a sabato)
(riceve giovedì pomeriggio).

Telefono Diretto 338.9362814

 Fax 02.63635717
Segreteria 02.63635316 - Reparto 02.63635315 

vai al sito del Buzzi

TORINO

Presso C.P.G. in via de Sonnaz 5/a - 10121 Torino | Tel. 011 5611187

(riceve venerdì pomeriggio)

Vai al sito del C.P.G.

 

BIELLA

Presso C.D.C. in via Bertodano 11 - 13900 Biella | Tel. 015 20385
(riceve martedì pomeriggio).

vai al sito C.D.C. di Biella

 

CUNEO

Presso C.D.C. in piazza Galimberti 4 - 12100 Cuneo | Tel. 0171 66478
(riceve lunedi pomeriggio).

vai al sito C.D.C. di Cuneo

SCRIVIMI

Autorizzo il trattamento dei dati personali

Leggi l'informativa - (Art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali") - Letta l'informativa, esprimo il consenso al trattamento dei miei dati.