Casi clinici

Blog

IL GINOCCHIO VALGO NEL BAMBINO

Molti bambini quando iniziano a camminare presentano un ginocchio varo.


Successivamente passano ad una fase in cui le ginocchia si presentano valghe.


In Finlandia (Salenius & Vankka 1975 JBJS 57 A – 259-261) venne effettuato uno studio significativo su un numero elevato di bambini dalla nascita all’età di 13 anni.
È uno studio che non sarà più riproducibile in quanto non è eticamente giustificabile sottoporre i bambini all’ esposizione radiografica solo per scopi documentativi.
Gli Autori riscontrarono che prima dell’ anno di età le gambe sono vare, successivamente diventano valghe tra i 18 mesi e i 3 anni.
Il valgismo può essere anche grave ma diminuisce a 5°/ 6° dall’ età di 6-7 anni. (Tab. 1)

Tabella 1 di Salenius e Vankka Journal Bone & Joint Surgery 1975, che dimostra come da un ginocchio varo la popolazione passa ad avere un ginocchio valgo per poi gradualmente normalizzarsi

Per ogni 100 bambini con una alterazione dell’asse degli arti solo 1 o 2 hanno una patologia che necessiterà di trattamento.
Il resto sono varianti della normalità.
Il dilemma per l’ ortopedico è distinguere tra le angolazioni fisiologiche e quelle patologiche.
Un numero esiguo di adolescenti si presentano con deformità di recente origine e la loro storia clinica non è chiara.
La ragione che determina il valgismo tra i 3 e i 6 anni non è ben determinata.

  • Una spiegazione può essere quella che il bacino aumenta la sua crescita in senso trasversale. Le ossa degli arti non sono in asse.
  • L’asse meccanico congiunge il centro della caviglia, il centro del ginocchio e il centro della testa femorale. Questa linea immaginaria dovrebbe essere retta.

 

Fig 1 Rx arti inferiori in ortostatismo: a destra ginocchio valgo a sinistra ginocchio in asse

Ci possono essere varie forme di Valgismo:
Dovuto alla deformità prossimale della tibia
In altri casi è più apparente che reale: se il bimbo viene disteso sul lettino il valgismo scompare.
Bisogna considerare vari fattori come la Storia familiare, l’Esame obiettivo e le radiografie quando necessarie

Quando le radiografie sono normali il concetto che dovrebbe passare è che la situazione dovrebbe migliorare spontaneamente. Ma non sempre è così.

L’ intervento chirurgico è l’ emiepifisiodesi (blocco temporaneo di una parte della fisi che la zona dell’ osso deputata alla crescita) che è utile in casi selezionati.

In passato sono state proposte varie tecniche chirurgiche ma da qualche anno grazie agli studi condotti dal professor Stevens negli USA è stato introdotto un metodo che permette di correggere la deformità in un’ età più precoce rispetto al passato con un sistema costituito da una placca e due viti che consente di sfruttare il potenziale di crescita.

Fig. 2

 

Rallentando la crescita dal lato in cui la placca viene posizionata avviene una progressiva correzione della deformità. Una volta raggiunto il corretto asse la placca e le viti vanno rimosse altrimenti si andrebbe incontro allo sviluppo della deformità opposta a quella di partenza.

Le indicazioni e i vantaggi sono rappresentati da poter operare in:

Tutte le età (19 mesi ai 17 anni)
Tutti i pesi (12 ai 183 Kg)
Tutte le fisi
Minimo 6-12 mesi mancanti alla fine crescita
Ogni deformità incluse quelle dovute a malattie metaboliche
Correzione su tutti i piani frontale sagittale e oblique
Ottima cosmesi dato che si esegue una mini incisione

Le controindicazioni sono date da

Maturità scheletrica (fisi chiuse)
Deformità fisiologica

I vantaggi della tecnica consistono nel fatto che non vi è la necessità di avere immobilizzazione, il carico è libero ed immediato, il recupero funzionale è veloce, l’ intervento chirurgico è rapido con basso rischio operatorio.

RICERCA

News

Dove Visito

OSPEDALE INFANTILE REGINA MARGHERITA

Piazza Polonia 94 - 10126 Torino

Telefono Diretto 011 3131876

 Fax 011 3135092
Segreteria 011 3135270 - Sala gessi 011 3135399.

Prenotazioni libera professione dalle 16,00 alle 19,00 | Tel. 011 3135005
(riceve giovedì pomeriggio).

 

TORINO

Presso C.P.G. in via de Sonnaz 5/a - 10121 Torino | Tel. 011 5611187

(riceve venerdì pomeriggio)

 

BIELLA

Presso C.D.C. in via Bertodano 11 - 13900 Biella | Tel. 015 20385
(riceve martedì pomeriggio).

SCRIVIMI

Autorizzo il trattamento dei dati personali

Leggi l'informativa - (Art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali") - Letta l'informativa, esprimo il consenso al trattamento dei miei dati.